Benvenuti > Guida alla Progettazione > Impianti trattamento specifico liquami civili > Fosse biologiche tipo Varese

Fosse biologiche tipo Varese

Le Fosse biologiche ”tipo Varese” vengono impiegate per chiarificare liquami grezzi provenienti direttamente dagli scarichi di servizi igienico – sanitari di abitazioni, uffici, fabbriche, ristoranti, alberghi, collegi, ecc…
La Fossa biologica”tipo Varese”è costituita da una vasca prefabbricata cilindrica verticale, (vedi figura) monoblocco o ad elementi in calcestruzzo armato vibrato, da installare entro terra, ispezionabile dall’alto attraverso i fori d’ispezione situati nella copertura della vasca stessa.

Funzionalmente è divisa in due settori (o camere) divisi da paratia verticale, collegati idraulicamente tra di loro; il primo settore ha un volume di circa i 2/3 del volume utile totale della fossa.

Schema di funzionamento delle fosse biologiche tipo Varese

I liquami fognari affluenti alla Fossa arrivano al primo settore, dove nella parte superficiale si accumulano i fanghi e sostanze leggere, mentre i fanghi pesanti decantano e si accumulano sul fondo della vasca. Il liquame chiarificato nella parte intermedia del primo settore, passa poi nel secondo settore dove avviene una ulteriore decantazione dei fanghi ed affioramento verso la superficie delle sostanze leggere. Il liquame definitivamente chiarificato, esce attraverso la parte sottostante del deflettore situato in prossimità dell’uscita vasca.

Il liquame fognario è costituito da acqua mista a feci ed urine, carta igienica, e prodotti detergenti in genere.

I solidi sospesi presenti nel liquame, affluendo alla fossa biologica precipitano per decantazione e si accumulano sul fondo vasca; con il processo di digestione le sostanze organiche subiscono una fermentazione anaerobica determinando la trasformazione di parte delle stesse in prodotti quali acqua, anidride carbonica e gas metano, consentendo la stabilizzazione dei fanghi.
I fanghi pesanti accumulatesi sul fondo vasca sono inizialmente ad altissimo contenuto d’acqua, ma poi tendono ad ispessirsi (diminuzione del volume fino al 50%) e l’acqua che si libera tende a risalire per unirsi e miscelarsi in superficie con il liquame in arrivo.

Il processo di digestione anaerobica avviene in circa 60 giorni ad una temperatura che mediamente si mantiene intorno ai 15 °C.

La ”Fossa Biologica tipo Varese”costituisce un trattamento parziale della depurazione dei liquami; infatti le riduzioni dei valori inquinanti del liquame grezzo sono i seguenti:

Valori abbattimento carichi inquinanti fossa Biologica Tipo "Varese"
- BOD5 riduzione max 20%

- Solidi Sedimentabili

riduzione max 8%

- Solidi sospesi totali:

riduzione max 50%

Il refluo trattato non può essere scaricato su corsi d’acqua superficiali o nel sottosuolo, ma solamente inviato al collettore fognario collegato ad impianto di depurazione centralizzato.

Per il dimensionamento volumetrico della Fossa Biologica vengono considerati 100 litri per utente al giorno; questo dato può variare a seconda del tipo di insediamento o in base alla discontinuità della portata di liquame in arrivo.

Vedi le fosse biologiche tipo "Varese" del nostro CatalogoCatalogo Depuratori

Contatti Mappa Home